Come trasferire denaro all’estero tramite la tua banca

Il trasferimento internazionale di denaro è una necessità imprescindibile per gli imprenditori che si muovono sui mercati esteri: dalla grande azienda al lavoratore in proprio, capita di effettuare un acquisto da un venditore straniero, di dover pagare un creditore di un altro Stato, oppure di voler investire in un'attività fuori dai confini nazionali.

Inviare denaro all’estero è una procedura legittima, se vengono rispettate le norme di legge e, in partenza, due requisiti fondamentali:

  • che le somme siano legalmente detenute;
  • che i redditi su queste somme siano dichiarati agli organi competenti.

In caso di violazioni, si rischiano sanzioni amministrative (che comportano pene pecuniarie) e incriminazioni penali, come il reato di autoriciclaggio (punito con la reclusione).

Per assicurarsi la maggior tutela, è consigliabile rivolgersi a intermediari specializzati e competenti, come la tua banca: così avrai la sicurezza di trasferire denaro all’estero senza infrangere la legge, proteggendo risparmi e investimenti. La transazione sarà infatti regolata da un vero e proprio contratto che definisce diritti e doveri del cliente e dell’istituto bancario.

Perché trasferire soldi all’estero tramite la tua banca

Una persona o un’azienda invia denaro in altri Paesi essenzialmente per tre motivi:

  • conservazione del patrimonio: il titolare della somma decide di trasferirla in uno Stato dove la maggior stabilità politica ed economica aumenta il valore della moneta;
  • trasferimento effettivo della residenza;
  • investimento finanziario per incrementare il patrimonio impiegandolo in Paesi ad alta redditività, come quelli in via di sviluppo.

Il motivo del trasferimento di denaro determina anche il Paese in cui i fondi saranno inviati.

Affidarsi ad un istituto bancario per i trasferimenti internazionali di denaro è una scelta che comporta diversi vantaggi:

  • facilità di esecuzione: il bonifico bancario estero differisce da una transazione nazionale per la destinazione, che sarà un conto corrente estero;
  • modalità telematica: gestibile anche in autonomia da qualsiasi collegamento internet, tramite home banking o web banking, non richiede comunicazioni burocratiche, perché la tracciabilità è immediata;
  • tassi di cambio ufficiali: non occorre calcolare l’influsso dello spread sulle conversioni applicate dall’intermediario.

Come effettuare un bonifico bancario estero

La prassi per trasferire denaro all’estero dipende dal Paese di destinazione dei fondi: per gli Stati dell’Unione Europea, non ci sono limitazioni di somme, secondo il principio di libera circolazione di persone e beni; per gli altri Stati, i movimenti finanziari sono regolati da accordi bilaterali, ove stipulati.

I bonifici bancari internazionali sono perciò classificati in due categorie, SEPA e non SEPA, che determinano differenze di costi e di tempi esecutivi.

Bonifico area SEPA

SEPA è l’acronimo di Single Euro Payments Area, ovvero l’Area Unica per i pagamenti in euro, che comprende:

  • i Paesi dell’Unione Europea che hanno adottato l’euro;
  • i Paesi dell’Unione Europea che effettuano transazioni pur non avendo l’euro come valuta;
  • altri Paesi (Islanda, Norvegia, Svizzera, Liechtenstein, Principato di Monaco, San Marino, Principato di Andorra e Città del Vaticano) che hanno implementato strumenti tecnici e legali per offrire le stesse condizioni degli Stati membri dell’Unione Europea.

Il trasferimento internazionale di denaro verso questi Paesi si realizza attraverso un bonifico bancario estero, indicando le coordinate bancarie del conto corrente di destinazione:

  • il codice IBAN (International Bank Account Number), ovvero il numero (in Italia composto di 27 cifre) che identifica Paese, banca e conto corrente;
  • il codice SWIFT (Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication), ovvero un codice standard internazionale riconosciuto dai principali sistemi di elaborazione finanziaria.

Il bonifico bancario in area SEPA non ha limitazioni di importo e prevede tempi di accredito massimo fissato in uno o due giorni lavorativi. Il costo dell’operazione è a carico dell’ordinante.

Bonifico area non SEPA

Trasferire denaro in Paesi fuori dall’area SEPA è una procedura simile al bonifico bancario SEPA: si differenzia soprattutto per i costi dell’operazione e del cambio e per i tempi di esecuzione, che si allungano fino a una settimana.

Per eseguire il bonifico, occorre in questo caso il codice SWIFT o BIC (Bank Identifier Code), lo standard ISO (International Organization for Standardization) per le transazioni internazionali.

I costi dell’operazione sono variabili a seconda del Paese di destinazione e dei tassi di cambio, e possono essere:

  • OUR: a carico dell’ordinante;
  • SHA: le spese del bonifico a carico dell’ordinante, le spese indirette a carico del beneficiario;
  • BEN: a carico del beneficiario.

Determinare in anticipo il tipo di bonifico bancario estero che verrà effettuato è fondamentale nelle transazioni commerciali, per evitare incomprensioni con clienti e collaboratori.

La tua banca: una sicurezza per inviare denaro all’estero

Effettuare transazioni internazionali tramite i canali ufficiali, come un istituto bancario di fiducia, permette una serie di controlli che garantiscono il buon esito del trasferimento del denaro all’estero e il rispetto delle norme finanziarie:

  • il codice CRO (Codice Riferimento Operazione) identifica ogni transazione tra banche in modo univoco, permettendo di rintracciarla e verificarla: diventa perciò una prova dell’avvenuto movimento di denaro;
  • i movimenti bancari verso l’estero pagano spesso il luogo comune di essere operazioni illecite: se vengono invece condotti attraverso una banca, la segnalazione all’Agenzia delle Entrate è automatica, e si evitano denunce di evasione fiscale.

Per completare l’iter degli obblighi di legge, è poi necessario includere nella dichiarazione dei redditi le attività estere di natura finanziaria e saldare la corrispondente imposta patrimoniale, chiamata IVAFE.

Il trasferimento di denaro all’estero è dunque una procedura semplice, veloce e conveniente: se hai un prodotto, un’idea o un’abilità spendibile sul mercato internazionale, non limitare la tua attività lavorativa. Con gli strumenti che hai già a disposizione nella tua banca, puoi muovere i tuoi capitali ed espanderti oltre qualsiasi confine.

comments
Lascia una risposta

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *