Come avviare un’attività commerciale

La reputazione della Penisola non sempre è favorevole all'apertura di un'attività commerciale, questo per tantissimi motivi, come la burocrazia, le vicissitudini del passato e le questioni strutturali, che l'hanno storicamente posizionata in modo sfavorevole per i potenziali investitori che desiderano avviare un'attività commerciale in Italia. Tuttavia, dopo le riforme mirate del Governo italiano nel 2014, avviare un'azienda non è mai stato così attraente, in particolare nei settori come l'industria manifatturiera, meccanica e delle costruzioni, chimica, dei trasporti, del turismo e della gastronomia. Oggi, l'Italia è un paese che privilegia le piccole e medie imprese, che costituiscono il 90% del mercato italiano.

Piano aziendale e sondaggio di mercato

È consigliabile avere una buona conoscenza del mercato e delle attività che danno più sicurezza, una chiara idea di ciò che si desidera fare e di quanto sia realizzabile la propria proposta commerciale, prima di iniziare il processo di registrazione per costituire e avviare un’azienda in Italia. Dovrai condurre un’indagine di mercato scrupolosa, effettuare ricerche sulle aziende che già operano nel tuo settore e identificare i tuoi potenziali clienti, solo dopo sarà possibile sviluppare un piano dettagliato che delinei gli obiettivi aziendali, il mercato di riferimento e la strategia, compresa una valutazione dei rischi molto approfondita che descriva i potenziali ostacoli lungo il percorso.

Se decidi di utilizzare un notaio anziché un’agenzia, ti verrà richiesto di redigere un Atto Costitutivo (Memorandum) e uno Statuto. Il notaio deve essere presente per redigere l’Atto Pubblico (Accordo di incorporazione) o per certificare le firme degli azionisti (Scrittura privata autenticata). Dovrai farlo presso Registro Imprese della Camera di Commercio e l’Ufficio delle Imposte locale. Il notaio è anche responsabile della registrazione della società nel Registro delle Imprese, tenuto dalla Camera di Commercio del comune in cui l’impresa viene costituita.

Chi può aprire un’attività commerciale in Italia?

Per essere un soggetto attivo nel panorama economico italiano e avere la possibilità di aprire un’attività commerciale, devi avere il diritto legale, ossia vivere e lavorare in Italia. Inoltre, se sei in Italia da poco devi ottenere il permesso di soggiorno prima di poter operare. Se provieni da un paese al di fuori dell’UE dovrai anche ottenere una licenza specifica, prima di poter costituire un’impresa e iniziare le tue operazioni economiche.

La società e la filiale: differenze sostanziali

Stai cercando di costituire una società in Italia, una filiale o un ufficio di rappresentanza? A differenza di una società, una filiale è un’unità straniera di una società, piuttosto che un’entità legale separata. Le filiali non esercitano autonomia organizzativa e decisionale, quindi devono presentare l’imposta sul reddito e una relazione annuale. Un ufficio di rappresentanza è registrato presso una società straniera ed esiste esclusivamente a scopo promozionale, pubblicitario e di ricerca ed è vietato svolgere attività commerciali. Ma questa è solo un’ulteriore curiosità. Quello che ci interessa in questo articolo è come avviare un’azienda a tutti gli effetti.

Quali sono i tipi di strutture aziendali che è possibile avviare in Italia secondo i requisiti amministrativi?

Sono disponibili una vasta gamma di strutture legali per la creazione di differenti tipologie di imprese secondo determinati requisiti amministrativi. Queste differenze variano a seconda degli obiettivi, del modello, della quantità di capitale, ma anche riguardo l’entità, la responsabilità dei fondatori e le implicazioni fiscali.

Per coloro che cercano di avviare un’attività con altri azionisti, le strutture legali più comuni sono:

  • Società Cooperativa (SC). Non vi è alcun limite al numero di azionisti e nessun capitale minimo. I soci possono beneficiare di una responsabilità limitata o illimitata, ma deve essere determinata in anticipo.
  • Società in Accomandita Semplice (SAS). Non vi è alcun limite al numero di azionisti o al capitale minimo e la responsabilità dei partner è illimitata.
  • Società in Nome Collettivo (SNC). Non vi è alcun limite al numero di azionisti o al capitale minimo. I partner hanno un numero illimitato e molte responsabilità congiunte.
  • Società per Azioni (SPA). Non c’è limite al numero di azionisti. È richiesto un capitale minimo di 120.000 euro. Il capitale deve essere completamente sottoscritto e pagato per i 3/10 nel momento della creazione dell’azienda. Inoltre, la responsabilità dei partner è limitata all’importo versato. Un quarto dell’investimento iniziale deve essere pagato prima della registrazione della società.
  • Società a Responsabilità Limitata (SRL). Non c’è limite al numero di azionisti. È richiesto un capitale minimo di 10.000 euro. La somma deve essere interamente sottoscritta e verrà pagata in proporzione pari ai 3/10 nel momento della creazione dell’azienda. La responsabilità dei partner è limitata all’importo versato. Inoltre, un quarto dell’investimento iniziale deve essere pagato prima della registrazione della società, anche se non ci sono tasse di costituzione, quindi meno scartoffie, burocrazia e spese notarili rispetto alle Società per Azioni.

Se si desidera noleggiare una società senza assumersi la responsabilità personale, è necessario scegliere la SRL o la SPA. La SRL è la migliore per gli azionisti che vogliono mantenere la gestione, mentre la SPA lavora meglio per investimenti più grandi e un numero maggiore di investitori. Se l’attività fallisce, gli azionisti perderanno solo il denaro pagato per le loro azioni.

Se desideri essere l’unico proprietario di un’azienda, le seguenti strutture aziendali sono le più comuni:

  • Società per Azioni Unipersonale (SA). Sarai l’unico azionista della tua azienda e la tua responsabilità sarà limitata una volta che il capitale verrà interamente versato. È richiesto un capitale minimo di 120.000 euro. Puoi costituire un consiglio di amministrazione con più membri o un unico amministratore per gestire la tua azienda.
  • Ditta individuale (DI). Se vuoi intraprendere un’attività artigianale, si applicano specifici prerequisiti. Capitale o beni non sono richiesti. Tuttavia, i tuoi effetti personali saranno conservati come garanzia in caso di debiti.
  • Società Unipersonale a Responsabilità Limitata (SRL Unipersonale). Questa tipologia di azienda ti consente di avere un unico partner, la cui responsabilità è limitata all’importo versato. È necessario emettere un capitale di 10.000 euro che può consistere anche in semplici contributi. Se i tuoi contributi vengono versati in contanti, dovrai nominare un revisore esperto che è registrato presso l’istituto dei Revisori dei Conti.

Dovrai, inoltre, autenticare la costituzione della tua SRL. Una volta che avrai finito, sarai in grado di nominare un Consiglio di Amministrazione composto da più membri o da un singolo direttore. Sei autorizzato a utilizzare account semplici, a condizione che il fatturato della tua azienda non superi i 120.000 euro e soddisfi determinati criteri (numero di dipendenti, ecc.). Infine, in nessun caso puoi partecipare ad un’offerta pubblica.

Come creare e registrare la tua attività commerciale?

Sebbene il processo di creazione di un’impresa in Italia sia semplificato, ti consigliamo comunque di chiedere una consulenza legale e finanziaria. Puoi farlo tramite un’agenzia certificata o utilizzare un notaio che ti aiuti attraverso le procedure legali. Avrai bisogno di un conto bancario e dovrai assumere un commercialista e un avvocato se non hai un notaio a disposizione.

La posizione strategica dell’Italia nel Mediterraneo consente un facile accesso all’Europa meridionale, centrale e settentrionale. Questo la rende una nazione situata in una posizione eccellente per la distribuzione dei prodotti. Il marchio Made in Italy è uno dei più iconici al mondo. Dalla pasta ai numerosi vini e prodotti tipici, dalla Ferrari alla Fiat, dall’alta moda al turismo balneare, montuoso e le città di cultura, il Paese trabocca di talenti in ogni settore economico, riconosciuti a livello globale dal mercato mondiale.

Quali sono le procedure per aprire un’attività commerciale?

L’avvio di un’attività commerciale in Italia richiede delle procedure specifiche, la durata di queste operazioni è di circa tre settimane. Le procedure spaziano dal versamento del contributo in conto capitale della società in una banca, all’ottenimento della procura dall’azionista o dagli azionisti, fino alla nomina di un notaio pubblico che autorizza l’atto costitutivo e lo statuto della società. Successivamente si procede con la registrazione presso le autorità fiscali e alla notifica del relativo ufficio del lavoro, che ti nominerà datore di lavoro.

Ottenere la partita Iva è sicuramente il primo passo per costituire un’azienda in Italia, la Ragione Sociale consentirà l’inizio vero e proprio della tua attività commerciale. La denuncia di inizio delle attività è fondamentale, deve essere fatta attraverso il modulo S5 che viene utilizzato anche nel caso di cessazione dell’attività. Nel caso in cui, sia l’iscrizione che la dichiarazione dell’inizio delle attività, si verifichino contemporaneamente, devi utilizzare anche il modello S1 per l’iscrizione al Registro delle Imprese. I moduli sono disponibili esclusivamente online per via telematica.

Quali sono i requisiti amministrativi per costituire un’attività commerciale?

I requisiti amministrativi che un’azienda deve possedere sono vari, come indicato nel paragrafo precedente. Innanzitutto, la società esisterà solo dopo la sua registrazione. Se uno degli azionisti non può essere fisicamente presente per firmare il contratto, il processo di incorporazione può essere eseguito da un procuratore legale (di solito è un avvocato o una persona di fiducia che l’investitore conosce).

Immediatamente dopo la registrazione, la società riceverà un numero di riferimento, il numero di identificazione fiscale e il numero di partita IVA. Entro 48 ore riceverai la conferma della registrazione presso il Registro delle Imprese, nonché la documentazione dell’INPS e dell’INAIL.

Inoltre, per costituire un’azienda in Italia sono necessari questi altri requisiti legali, professionali e morali:

  • Non aver dichiarato fallimento.
  • Aver compiuto 18 anni.
  • Residenza italiana.
  • Non aver riportato nessuna condanna penale, non avere restrizioni a carico o altri impedimenti legali di alcun tipo.

Assicurazione commerciale in Italia: i requisiti

Scegliere la giusta compagnia assicurativa riesce a dare molto più di una buona copertura, inoltre, ti permetterà di fare sonni tranquilli, perché è fondamentale per la protezione, la gestione della tua azienda e dei tuoi dipendenti. È difficile, però, ottenere l’equilibrio giusto: alcuni cercheranno di cavarsela con un’assicurazione minima, mentre altri si arrenderanno troppo presto scegliendo un’assicurazione di cui non hanno davvero bisogno. Il modo più semplice per evitare qualsiasi problema e complicazione ulteriore, è quello di consultare un esperto: ti consiglierà sicuramente sull’assicurazione più appropriata per la tua azienda.

Il pagamento dei premi assicurativi ti sembrerà sempre più oneroso, ma puoi davvero permetterti di rimanere senza una copertura assicurativa sufficiente? Ancora più importante, la tua azienda può permetterselo?

Ciò è particolarmente vero per la creazione di un’impresa in Italia, soprattutto se appartieni ad un’azienda situata in particolari territori e puoi essere suscettibile a infrazioni, incidenti e persino disastri naturali ai quali non sei abituato. Se, ad esempio, vuoi aprire una filiale all’estero, devi sempre dare un’occhiata agli incidenti accaduti negli ultimi anni per renderti conto di quante zone (sia in Oriente che in Occidente) sono state colpite da catastrofi naturali. Questo discorso vale anche per quanto riguarda l’Italia, ricordati sempre che è una zona ad alto rischio sismico, data la sua posizione e la particolare struttura geologica: alcuni luoghi sono più a rischio di altri.

Il nostro consiglio è quello di cercare un broker assicurativo rispettabile, che non solo sarà in grado di prevedere le esatte esigenze assicurative per la tua azienda, ma anche di confrontare le offerte e negoziare pacchetti convenienti per guidarti nella scelta più saggia. Informarti attraverso un esperto su eventuali requisiti legali di cui potresti non essere a conoscenza è sicuramente un’ottima mossa.

In genere, esistono diverse tipologie di assicurazione che rappresentano le principali soluzioni:

  • Assicurazione del veicolo.
  • Assicurazione del personale.
  • Assicurazione di responsabilità civile.
  • Assicurazione di edifici e contenuti.

Assicurazione del veicolo

Per legge, tutti i veicoli devono essere assicurati anche un livello di responsabilità di terzi in Italia. Ci sono due polizze predominanti tra cui scegliere: assicurazioni per terzi e assicurazioni complete. Se viene presentato un reclamo contro di te o la tua azienda per lesioni personali e sono necessarie eventuali spese legali, è richiesta un’assicurazione contro gli infortuni di terzi. L’assicurazione completa del veicolo copre i danni causati alla tua auto o furgone da te, nonché lesioni, eventuali danni, incendio e furto.

Assicurazione del personale

Questo tipo di assicurazione copre te e i tuoi dipendenti in caso di malattia, infortunio o incidenti sul lavoro. Un datore di lavoro deve obbligatoriamente fornire copertura per infortunio o malattia ai propri dipendenti. Tuttavia, i lavoratori autonomi non sono coperti da una retribuzione come dipendenti e quindi devono coprirsi attraverso un assicurazione privata. Sono disponibili vari tipi di assicurazione, come protezione del reddito, traumi, sulla vita e per invalidità.

Assicurazione di responsabilità civile

Questa è una forma obbligatoria di copertura, in grado di proteggere dai reclami di terzi contro la tua azienda per negligenza, morte, lesioni, perdita e danno di proprietà, perdite economiche o finanziarie. È molto importante avere questo tipo di copertura assicurativa.

Assicurazione di edifici e contenuti

Questa assicurazione copre la tua proprietà, il suo contenuto e/o e gli eventuali danni dovuti da fattori ambientali o accidentali come incendi, alluvioni, terremoti, fulmini, tempeste, esplosioni, furti con scasso e furti in generale.

Assicurazione sanitaria

Il sistema sanitario nazionale in Italia è gestito dalle autorità sanitarie locali e fornisce cure e medicine gratuite o sovvenzionate a tutti i cittadini dell’UE.

L’assicurazione sanitaria privata è un’altra cosa che potresti prendere in considerazione se decidi di aprire un’azienda in Italia. Ci sono molte compagnie che si occupano di assicurazione sanitaria privata. I pazienti privati ​​generano guadagni più elevati per i professionisti medici e quindi saranno invariabilmente assistiti da medici senior.

Molte persone scelgono un’assicurazione sanitaria privata. Avrai la libertà di scegliere qualsiasi medico o specialista per il trattamento, le cure, le operazioni chirurgiche, le visite ecc…

comments
Lascia una risposta

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *